Natale 2017, tra novità e intensità

Quello del 2017 è stato un Natale vissuto con semplicità, un ottimo tempo atmosferico e con intensità di partecipazione dei fedeli alle varie manifestazioni.

Anzitutto, sottolineo una partecipazione attiva e numerosa al Presepe Vivente. Per la prima volta, un’esperienza che ha coinvolto fanciulli, ragazzi, genitori e anche i fedeli. La chiesa di Sant’Antonio era piena di persone al momento della partenza del corteo natalizio, che si è sgranato all’annunzio del centurione che ha letto il decreto di Cesare Augusto. Inoltre, per le persone che  hanno preferito attendere il corteo in Cattedrale, grazie a Cattedrale Acqui NEWS, è stato allestito un maxischermo all’interno della Chiesa, tramite il quale era possibile seguire in diretta streaming gli eventi del Presepe Vivente durante tutto il percorso dalla Chiesa di Sant’Antonio.

Lungo Via Bella e Via Capra, il corteo degli angeli, dei pastori, del coro, dei fanciulli più piccoli, di Maria, di Giuseppe – accompagnato dei fedeli – ha proclamato brani del Vangelo e due canti attuali che invocavano il bambino Gesù e la pace. Arrivati al Pronao, tutti hanno ascoltato il canto a Gesù: “vieni Signore, nostro Salvatore”. Infine, l’ingresso in Cattedrale. La capanna, stilizzata, ha accolto Maria e Giuseppe. Poi, a sinistra, il piccolo coro, rivestito con il mantello rosso; a destra i narratori, davanti alla capanna pastori e pastorelli. Gli angeli sullo sfondo del cielo, sopra la balaustra del presbiterio, e numerosi bambini, anche quelli più piccoli, della seconda elementare, ciascuno con in mano la propria lanterna della Novena. Un colpo d’occhio bello e luminoso. Grazie anche all’impianto di luci fisse e del seguipersone.

Come consuetudine, al termine della rappresentazione evangelica, il corteo dei fanciulli, con le lanterne e al canto tradizionale di “Carovana vai”, ha accompagnato il Vescovo, che ha portato e collocato nel Presepio l’immagine di Gesù bambino.

Il presepio, opera anche quest’anno di Marcello e Luigi, richiede ai fedeli di guardare da lato la capanna, in cui la Natività, illuminata, accoglie tutte le statue, che camminano sul pavimento verso la grotta. Al termine del Corteo, il Vescovo ha impartito a tutti la sua benedizione.

Intensa e partecipata da numerosi fedeli è stata poi la S. Messa delle famiglie alle ore 21:45.

Uscendo da Messa tutti sono stati addolciti dalla cioccolata delle “mani operose” di nonna Mariuccia.

Ha poi concluso la notte della Natività, la S. Messa Solenne celebrata dal Vescovo e concelebrata dai sacerdoti: tutti rivestiti degli abiti solenni acquistati per il Giubileo della Cattedrale. La corale S. Cecilia ha svolto, come sempre, il suo compito di lode al Signore e di animazione liturgica della celebrazione.

Ringrazio il Signore per l’operosa attività di tanti catechisti, famiglie e volontari, che hanno collaborato alla buona realizzazione di questo primo presepe vivente e di queste celebrazioni. Ringrazio anche tutti i fedeli presenti alle 7 messe di Natale, durante le quali sono stati raccolti 1404,00 € come contributo di tutti alla ristrutturazione del tetto della Cattedrale.

Chiediamo che il frutto del Natale, però, sia un frutto di pace, di fede e di vita di comunità, unita nell’amore.

dP

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.