Festa di Prima Confessione: cosa ne pensa una mamma

Sono la mamma di una bambina che insieme ad altri 18 fanciulli la sera dello scorso 5 maggio alle ore 20,30, al termine del primo anno di catechismo, nella Cattedrale della nostra città ha festeggiato il Sacramento della Prima Confessione.

La serata è stata caratterizzata da un momento di preghiera celebrata da Don Paolino Siri durante il quale, alla presenza delle famiglie, i nostri bambini, illuminati dalla luce del cero Pasquale, hanno chiesto perdono dei loro peccati, leggendo i foglietti preparati durante il percorso catechistico, che sono poi stati posti nel braciere e bruciati in segno di cancellazione dei peccati grazie al pentimento dei nostri fanciulli e al sacramento del perdono

La funzione è poi proseguita con il momento di dialogo individuale con il sacerdote per l’assoluzione  (oltre a Don Paolino era presente anche Don Gian Paolo Pastorini) e proclamazione delle buone intenzioni e volontà da parte dei nostri bambini.

Per concludere questo momento di festa, ci siamo poi trasferiti tutti nel salone parrocchiale per rifocillarci con un ricco rinfresco offerto da Don Paolino, occasione in cui i nostri bambini hanno potuto giocare, cantare e divertirsi insieme.

Ringrazio per questa bella esperienza di preghiera e festa comunitaria non solo Don Paolino e Don Gian Paolo, ma anche e soprattutto Suor Marina, Graziella e Francesca, instancabili e insostituibili catechiste che hanno accompagnato i nostri bambini nel catechismo e nel cammino di fede con una dedizione e un amore rari.

È stata un’occasione importante anche per tutti noi genitori che grazie agli incontri (e confronti) durante tutto l’anno catechistico abbiamo avuto la possibilità di comprendere il cammino dei nostri bambini verso la fede piena e consapevole, riuscendo ad accompagnarli cristianamente a ricevere questo importante Sacramento, troppo spesso dimenticato e sottovalutato.

E. P.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.