Ciao San Guido, presenza cara!

San Guido 2018, ha visto lo svolgimento delle celebrazioni liturgiche ben partecipate in tutte le serate e anche nella giornata della solennità. Le varie zone della diocesi si sono fatte, quasi tutte, attivamente presenti alle serate di preparazione, insieme agli acquesi, quest’anno più assidui del solito. Il  nostro nuovo vescovo monsignor Luigi Testore, per la prima volta alle celebrazioni, ha guidato le riflessioni serali. Ci ha indicato alcuni personaggi biblici come Abramo, Mosé, Paolo come modelli di vita cristiana. Partendo dalla parola di Dio, con esempi concreti delle sua vita,  invitava  a chiederci a quale tipo di vita cristiana anche noi siamo indirizzati. Onorare i santi, infatti, significa apprendere da loro l’arte di vivere da cristiani e nella santità.

La  celebrazione Solenne della S. Messa delle ore 18:00 è stata presieduta dal vescovo di Mondovì, Mons. Egidio Miragoli: amico fraterno del nostro Vescovo e da lui invitato. Interessante l’omelia del Vescovo Egidio: ha parlato della fraternità e dell’amicizia tra Vescovi, come segno di vita nuova e di fraternità tra comunità. Con la partecipazione attiva come sempre della corale Santa Cecilia, con una folta partecipazione di fedeli, di associazioni, di confraternite, di sindaci, di autorità militari. Grazie alle Associazioni di pubblica assistenza e alla polizia locale e carabinieri.Grazie anche agli operatori e volontari della parrocchia. Per una partecipazione così attiva e così partecipata a tutti grazie al Signore!  Come grazie anche a tutti coloro che hanno lavorato intensamente per la buona realizzazione della processione come portatori dell’urna: confraternite, alpini, carabinieri in pensione. Grazie alla Banda, che sempre ci aiuta anche a pensare e a cantare con canti religiosi. E alla Protezione Civile, sempre disponibile all’esposizione e alle riposizione dell’urna nella nicchia.

Questa solennità è anche la prima del Vescovo Luigi e l’ultima, come parroco, di don Paolino. Quasi un passaggio di testimone. Ma l’esempio e la vita dei Santi è per tutti Vescovi, Sacerdoti e fedeli l’invito a una vita cristiana comunitaria, nell’unione e nella concordia, all’interno dell’esperienza della Diocesi.

Ciao San Guido. Dalla tua nicchia in Cattedrale guarda, benedici e accompagna la vita della nostra e tua chiesa Diocesana. Prega e intercedi per tutti noi.

dP

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.